Tecnologia 

Industria 4.0, le competenze necessarie per lo sviluppo del settore

Spesso i consigli piovono dall’alto per le imprese, e spesso si tratta di contesti imprenditoriali sconosciuti per la maggior parte delle aziende. Sondaggi e ricerche servono per intuire qual è il contesto culturale nel quale si sta agendo. Secondo i dati emersi dall’ultima edizione di R2B, il salone internazionale dell’innovazione e della ricerca industriale, per le PMI, i laboratori di ricerca e le startup italiane, le tecnologie fondamentali nel passaggio al contesto industriale 4.0 sono, in ordine: Stampa 3D, realtà aumentata e robotica.

Su cosa puntano le PMI italiane

Gli elementi indicati dalle PMI italiane, ovvero stampa 3D, robotica e realtà aumentata, sono concetti già ampiamente sponsorizzati anche dagli analisti del mercato e dagli esperti di Industria 4.0. Perciò le realtà imprenditoriali del Bel Paese non sono troppo distanti da una chiara comprensione degli investimenti necessari da fare nel prossimo futuro. Molte aziende hanno indicato anche altre vie di sviluppo, come l’intelligenza artificiale delle macchine, i social media e su tutti l’Internet of Things. Nonostante, come sottolineato più volte, al momento i produttori non stiano eccellendo nella sicurezza informatica di questi dispositivi. La maggior parte delle aziende operanti nel settore agroalimentare invece ha indicato anche i Big Data come tecnologia necessaria per una crescita immediata nel contesto 4.0.

Le parole dell’Industria 4.0

Le parole più usate dalle imprese intervistate per descrivere l’Industria 4.0 sono state innovazione, automazione, flessibilità, futuro e digitalizzazione. Durante quest’edizione di R2B sono stati presentati 54 progetti di ricerca industriale supportati dalla Regione Emilia-Romagna. Nella due giorni di R2B sono stati organizzati 99 convegni e workshop per parlare di big data e competenze 4.0.

Commenti

Ultime News

Leave a Comment

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com